17/12/13

La Mascotte dell'Expo 2015

La mascotte che Disney Italia ha creato per Expo 2015 racchiude i temi fondanti della manifestazione proponendoli in una chiave positiva, originale, empatica e soprattutto ricca di story-telling (l’arte della narrazione).
L’idea si basa sulla creazione di una Famiglia di Frutti, ognuno con caratteristiche e personalità diverse, che agiscono come veri e propri personaggi ma che una volta riuniti danno origine al ”volto” dell’Expo rappresentato da una figura sorridente di richiamo arcimboldesco interpretata in chiave cartoon. La Famiglia di Frutti riunita in un Volto Unico rappresenta quindi l’ideale sinergia tra i Paesi del mondo chiamati, anche attraverso Expo 2015, a rispondere con energia e positività alle sfide del nostro pianeta sull’alimentazione presentandosi come una vera famiglia, unica, simpatica e dinamica.

 

“La scelta di Disney Italia di far rappresentare a un’intera squadra di personaggi l’Esposizione Universale del 2015 è molto fortunata e significativa, anche da un punto di vista educativo – ha dichiarato Giuseppe Sala, Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 - sottolinea l’importanza del gruppo, valorizzando le caratteristiche di ogni singolo soggetto. Proprio su questa parte si è concentrato il convincente lavoro di Disney Italia. Ogni alimento ‘animato’ darà vita a un aspetto del tema della manifestazione e si farà portavoce di buone e corrette abitudini. Anche per questo motivo, abbiamo deciso che fossero i più piccoli i protagonisti della presentazione di oggi. Non c’è pubblico migliore di quello dei ragazzi per giudicare se una proposta creativa avrà e successo e seguito. Siamo sempre più sicuri che sarà così”.

 

In merito alla mascotte dell'Expo 2015, Gaetano Grizzanti, direttore di Brand-Identikit.it e docente di branding dal 1988, commenta per il sito AdvExpress: "Per esprimere un giudizio in merito alla mascotte scelta per Expo 2015 dovrei conoscere il brief dato alle agenzie. Al primo impatto, comunque, mi sembra abbia poco della mascotte intesa tradizionalmente come soggetto antropomorfo che deve smorzare dal carattere istituzionale la comunicazione dell'Expo. La mascotte dovrebbe avere un collegamento visuale al marchio che deve rappresentare e una semplice applicabilità affinchè possa essere utilizzata e animata in maniera elementare in più occasioni. Questa mascotte la considero poco rappresentativa del tema principale e poco inerente al logo dell'Expo".