29/01/2016

I brand e le unioni civili in Italia

Le unioni civili sono, senza dubbio, uno dei temi più “caldi” di questo inizio 2016 italiano.

Mentre l’hashtag #Svegliatitalia è condiviso da migliaia di persone in Facebook e Twitter, molti brand nazionali e globali hanno deciso di dire la loro, anche grazie alla potenza dei Social.

Di seguito alcune delle marche che più si sono distinte e hanno fatto parlare.


 

 Carpisa

Il brand della tartarughina – che offre borse, accessori e pelletteria alla moda e accessibli – rivendica in Facebook il diritto universale a un amore "su misura".

 

 

Yamamay

Anche Yamamy, noto brand di intimo, concorda con Carpisa e dice sì alle unioni civili: l’amore è su misura per tutti.

 

 

Ceres

 

Il brand di birra Ceres conferma la propria personalità di marca informale, giovanile e a tratti irriverente: l'invito a scendere al bar riece a velare di umorismo una critica ben precisa, quella contro la scritta "Family Day" creata per diverse notti sul Pirellone.   

 

 

Coop

La Coop diffonde questa creatività non solo online, ma anche nei diversi punti di vendita. Fresca fresca è la notizia del parroco della Serra di San Miniato (Pisa) che, vista la pubblicità, pare sia andato alla Coop di San Miniato Basso riconsegnando la tessera e chiedendo di essere cancellato dall'elenco dei soci.

 

 

Dolce e Gabbana

Ha lasciato perplessi non pochi appassionati di moda l'immagine pubblicata in Instagram (a favore delle famiglie arcobaleno) da Stefano Gabbana. Ricorderete infatti che nemmeno un anno fa, durante il marzo 2015, l'opinione espressa da Domenico Dolce durante un'intervista ("...Tu nasci e hai un padre e una madre. O almeno dovrebbe essere così, per questo non mi convincono quelli che io chiamo i figli della chimica, i bambini sintetici. Uteri in affitto, semi scelti da un catalogo...") aveva scatenato l'ira funesta di diverse star mondiali, primo tra tutti Elton John, il quale aveva poi avviato una pesante azione di protesta e boicottaggio sotto l'hashtag #BoycottDolceGabbana.

 

  

Ikea

La svedese Ikea ha deciso di mostrare il proprio pensiero attivamente. Nel giorno del Familiy Day ha organizzato, in tutti i negozi italiani, un’iniziativa con cui si schiera a favore delle unioni civili, invitando tutti i clienti a celebrare con un bacio la propria idea di famiglia.

 

 

Lush

Lush (catena che propone cosmetici freschi e fatti a mano) è da sempre attivo per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema dei diritti omosessuali. Prosegue quest'anno la propria battaglia, accogliendo lo spirito di condivisione della campagna #SvegliatItalia: da giovedì 21 i 36 negozi Lush italiani hanno chiesto ai propri clienti di scattarsi un selfie con il cuore simbolo della campagna e di condividerlo sui propri canali social, diffondendo un messaggio di uguaglianza.

 

 

Real Time

Altro brand attivo è Real Time, rete televisiva tematica italiana di proprietà di Discovery Italia. Domenica 31 gennaio alle 21.20 è stato trasmesso il docureality "Di fatto, famiglie", con l'obiettivo di testimoniare "la vita comune, reale e piena d'amore, delle famiglie italiane, oltre ogni limite dei benpensanti".

 

 

Onoranze Funebri Taffo

La comunicazione delle Onoranze Funebri Taffo – gruppo del centro Italia ormai popolare per una personalità di marca leggera e divertente, in contrasto con il servizio offerto – continua con un ironico (per quanto lugubre) messaggio, in stile "Pubblicità Progresso": "Qualunque sia la tua famiglia, c'è una cosa che ci renderà tutti uguali". Da notare che con questo stile, considerando il particolare settore in cui opera, il Gruppo Taffo ha conquistato oltre 10.000 fan su Facebook.
 

 

Althea

Althea opera nel mercato dei sughi e condimenti per la pasta. Si era già distinta nel 2013 (quando Guido Barilla aveva dichiarato impensabile una pubblicità Barilla con protagonista una coppia omosessuale) per un post nella sua fanpage di Facebook in cui due ragazzi si baciano dietro la scritta che scimmiotta il payoff della leader italiana della pasta:“Dove c’è Althea, c’è famiglia”.

 

 

 

2016 © Riproduzione riservata. Ogni commento, su grafica, disegni, colori, ecc.. presente sul sito ha carattere puramente descrittivo e informativo e non vuole in alcun modo essere denigratoria o lesiva per l'immagine oggetto dei suddetti commenti. Per suggerimenti su nuovi argomenti scrivere a redazione@brand-identikit.it.