I brand preferiti dei Burning Men

Quali brand vedremmo al Festival artistico più stravagante al mondo (se mostrare i loghi fosse consentito)?

Sì è concluso lo scorso 5 settembre l’edizione 2016 di uno dei festival artistici più stravaganti al mondo, il Burning Man, il cui nome deriva dal “rituale” di chiusura del festival, durante il quale viene dato fuoco a una enorme statua di legno antropomorfa.   

Condividi su
burning man

Sì è concluso lo scorso 5 settembre l’edizione 2016 di uno dei festival artistici più stravaganti al mondo, il Burning Man, il cui nome deriva dal “rituale” di chiusura del festival, durante il quale viene dato fuoco a una enorme statua di legno antropomorfa.   

L’evento – della durata di otto giorni – si svolge dal 1991 a Black Rock City, città temporanea che ogni anno viene appositamente costruita nel cuore del deserto del Nevada (a 500km da San Francisco) e nella quale vige una forma di “anarchia regolamentata da regole molto severe”.

Tra queste, è assolutamente vietata qualsiasi forma di pubblicitàsponsor commerciale e business: si vive attraverso il baratto, è proibito l’uso di automobili (eccetto pochi autorizzati), non si possono scattare fotografie, non c’è campo per cellulari e smartphone ed è inoltre obbligatorio coprire qualsiasi marca o logo.

Tuttavia, il desiderio di vivere una settimana in completa autosufficienza e sperimentando diverse forme di relazionarsi socialmente non sono sufficienti a definire “popolare” un festival difficilmente accessibile, sia per i pochi biglietti d’ingresso a disposizione (il limite è fissato a 70.000, a fronte di una richiesta sempre in aumento), sia per il prezzo: 390 dollari l’uno.

Ma chi sono, fuori dal Festival, i “burners”, che per una settimana decidono di rinunciare al consumo?

Per quanto sia pressoché impossibile tracciare un profilo medio, Foursquare – rete sociale basata sulla geolocalizzazione – è riuscita a individuare alcuni brand ricorrenti nella vita “normale” dei burners.

blue Bottle Coffee

Secondo i check di Foursquare, i burners visitano la catena di caffè californiana Blue Bottle 12 volte in più rispetto alla media. Favorita tra l’élite della Silicon Valley, la Blue Bottle si propone come una torrefazione vintage, impegnata a offrire un caffè d’eccellenza con un format da grande retailer: conta 22 punti vendita negli Stati Uniti e tre in Giappone. 

alamo

Nove volte più frequentata dai “burners” è la catena di cinema d’essai Aalamo Drafthouse, dove è possibile accompagnare la visione di film ricercati a pop-corn coperti da scaglie di parmigiano e tartufo e birra artigianale. Anche in questo caso, locali e brand evocano qualitàautenticità, espressa da uno stile retrò.

wework

I burners sono 6 volte più predisposti a lavorare negli spazi offerti da WeWork, la compagnia da 16 miliardi di dollari che fornisce alle startup di 12 Paesi al mondo spazi in coworking. Ciò che rende unico il brand WeWork è la ricercatezza degli ambienti, chic e contemporanei, oltre a benefit, eventi e attività riservati ai membri della “comunità”.

REI

Non c’è da stupirsi se i burners frequentano la catena di abbigliamento sportivo REI quattro volte di più rispetto alla media degli utenti Foursquare, date le condizioni estreme del deserto del Nevada. La marca REI è impegnata socialmente nella salvaguardia dell’ambiente, donando milioni di dollari, organizzando team di volontariato e riducendo al massimo l’impatto ambientale della propria produzione.

 Sweetgreen

Oltre alla salvaguardia dell’ambiente, i burners sono anche attenti agli alimenti sani. Per questo sono propensi a frequentare sei volte di più Sweetgreen, catena di cibo biologico e a kilometro 0, nota per le lunghe code (anche superiori alla mezz’ora) che i clienti sono disposti ad affrontare per un’insalata “di design”

Per quanto particolari e, in alcuni casi, poco conosciute, le 5 marche preferite dai burners sono caratterizzate da un forte spirito di responsabilità sociale e la necessità di recuperare ciò che è autentico e di qualità. Tutti elementi per i quali i burners sono disposti a pagare un premium price.