Rolex: la nobiltà della marca

Il marchio status symbol per eccellenza

Il 21 novembre 2013 è stato presentato, a Milano, un interessante libro chiamato "Viaggio nelle Pubblicità Storiche Rolex" a cura di Emma Luxardo, fondatrice di Value Proposal S.r.L. e ideatrice di Value Collection. 

Condividi su

Video "Rolex and icons" - 2013.

Il 21 novembre 2013 è stato presentato, a Milano, un interessante libro chiamato "Viaggio nelle Pubblicità Storiche Rolex" a cura di Emma Luxardo, fondatrice di Value Proposal S.r.L. e ideatrice di Value Collection. Si tratta di una raccolta di oltre cinquecento pubblicità (dal 1915 fino agli anni '80) che ripercorrono la storia di uno dei marchi più prestigiosi al mondo. Durante la presentazione, Emma Luxardo, il collezionista Michele Babbo e il giornalista Giampiero Negretti hanno ripercorso le tappe fondamentali della storia della maison dello stile, indicandone le caratteristiche chiave legate all'innovazione, al prestigio della marca e alla qualità del prodotto Rolex. A concludere la presentazione, Maurizio Nava (Direttore della S.C. di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva della Fondazione I.R.C.C.S  dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e Presidente della Scuola di Oncologia Chirurgica e Ricostruttiva) ha ricordato l'intento benefico della presentazione: parte dei proventi della vendita durante il corso della serata sono stati donati a favore della ricerca.

Viaggio nelle Pubblicità Storiche Rolex

Il libro "Viaggio nelle Pubblicità Storiche Rolex" a cura di Emma Luxardo. 

marchio chupa chups

Una piccola mostra, visitabile dopo la presentazione, ha ricordato la straordinaria storia di una marca che ha cambiato per sempre il settore dell'orologeria in tutto il mondo, trasformando il tempo in classe. Questo libro, volume prestigioso e ricco di spunti permette di ricostruire, tramite le pubblicità storiche raccolte, la storia di uno dei marchi più nobili di sempre, che Brand-Identikit.it ha voluto ricordare con un articolo dedicato.

COLLEZIONE BABBO

Alcune pubblicità della collezione di Michele Babbo.

La storia

L’ideazione dell’orologio da polso, inizialmente pensato solo per il mondo femminile, risale al 1868 per merito della Patek-Philippe. Tuttavia fu Cartier che successivamente, su richiesta di un amico pilota d’aviazione, ne confezionò un modello da uomo in alternativa al tradizionale orologio da taschino. Nonostante la presenza di tali nomi illustri nella genesi del prodotto, potremmo dire che nell’immaginario collettivo è invece a Rolex che ne viene attribuita la primogenitura. Proprio grazie a quest’aura di stima si deve l’esclusiva autorevolezza del brand: Rolex è infatti sinonimo di prestigio ed eleganza, essendo rimasta sempre fedele ai propri valori durante tutta la sua storia volendo così presidiare il territorio dell’eterna classicità. Un apporto significativo, complice nella trasformazione del marchio Rolex in una marca mito, lo sono stati testimonial illustri e famosi come Sean Connery e Roger Moore – nei panni di James Bond – Steve McQueen, Paul Newman, Giovanni Agnelli e persino Ernesto “Che” Guevara; tutti che, con un Rolex al polso, hanno direttamente o indirettamente creato negli anni fascino e brand awareness.

 

L’azienda venne costituita nel 1905 a Londra dal tedesco Hans Wilsdorf e da suo cognato, l’inglese Alfred Davis. La Wilsdorf & Davies – questa la sua prima ragione sociale – nacque con l’idea di commercializzare orologi da polso a un prezzo accessibile, assemblando componenti di diversa provenienza. Il nome Rolex fu creato nel 1908 e nel 1915 la società prese la denominazione Rolex Watch Company. Oggi la Rolex SA ha sede a Ginevra e, con 28 filiali in tutto il mondo, una rete di 4.000 orologiai in oltre 100 paesi e una produzione annuale di quasi un milione di orologi, è leader indiscusso nel mondo del lusso essendo in assoluto la maggiore azienda monosettore.

ROLEX prima sede

La prima sede di Ginevra e il marchio Rolex, raffigurati in una cartolina dell'epoca.

Come spesso accade per marchi che hanno un secolo di vita, l’affermazione della griffe si è compiuta anche grazie a determinanti evoluzioni del prodotto. Per esempio, il primo orologio a caricamento automatico fu un’innovazione proprio della Rolex: l’Oyster Perpetual, brevettato e presentato nel 1931. Stiamo parlando di un orologio caratterizzato da un meccanismo interno che sfruttava il movimento del braccio, che non solo rese inutile il tipico caricamento a mano ma eliminò il problema del sovraccaricamento che ne comprometteva il funzionamento.

Rolex Oyster Perpetual

Rolex Oyster Perpetual del 1931.

Poi, per citare un'altra pietra miliare, Rolex fu anche la prima casa a creare un vero orologio impermeabile: nel 1926 sviluppò infatti il primo orologio subacqueo, perfettamente funzionante anche a 11.000 metri di profondità. Con grande spirito imprenditoriale, per lo sviluppo di quest’ultimo prodotto, Wilsdorf riuscì a far indossare la versione da polso a Mercedes Gleitze durante la sua traversata a nuoto del canale della Manica. Rolex capitalizzò l’evento utilizzandolo nelle proprie pubblicità e creò degli espositori in cui l’orologio era immerso in un contenitore pieno d’acqua. Successivamente, durante la seconda guerra mondiale, il brand aumentò il proprio prestigio grazie ai piloti della Royal Air Force: gli orologi dati in dotazione all’aeronautica venivano spesso sostituiti con modelli Rolex. Nello stesso periodo le truppe americane di stanza in Europa impararono a conoscere la qualità del prodotto, favorendone successivamente l’ingresso nel ricco mercato americano. Inoltre, la brand image dell’azienda venne consolidata anche attraverso una politica di limitazione della produzione, nonostante la crescita continua della domanda. Per un bene di lusso, la scarsità nel mercato può influenzarne il valore, incrementandone la richiesta e contribuendo a renderlo un oggetto da collezione, vissuto come un vero e proprio investimento.

Il marchio

ROLEX

Il brand-name Rolex, ideato dallo stesso Hans Wilsdorf, venne registrato ufficialmente il 15 novembre 1915 mentre nel 1925nasce il logo della “corona a cinque punte che culminano con un pomellino tondeggiante”, adottata come marchio ufficiale dell’azienda. Wilsdorf registrò il marchio “Rolex” nel 1908 a La Chaux-de-Fonds, in Svizzera. L'origine del termine Rolex per alcuni deriva dalla locuzione francese horlogerie exquise, cioè squisita orologeria. Rolex ha puntato molto sul mantenere “puro” il proprio brand: per esempio non ha mai concesso la licenza per utilizzare il proprio nome per altri prodotti, producendo esclusivamente orologi. Un’altra strada intrapresa è quella di proteggere il marchio, agendo assiduamente e duramente nei confronti delle contraffazioni, investendo in questa operazione più risorse di qualsiasi altro brand.

Rolex

Alcune applicazioni del marchio Rolex. 

Iconograficamente la corona che identifica la marca Rolex veicola valori di esclusività e prestigio, che hanno guidato l’azienda nella sua storia centenaria, divenendo un punto di riferimento nel settore dell’orologeria e non solo. Il simbolo della corona, tipico dell’araldica, indica infatti concetti di regalità e supremazia che tradotti in linguaggio commerciale sono sinonimi di esclusività e qualità. Inoltre l’uso di una figura grafica riconoscibile facilita la memorizzazione da parte dell’osservatore. Anche la scelta del colore oro consolida queste percezioni di pregio, aggiungendo classeperfezione e splendore. Il verde, tipicamente british, rimanda a valori di tradizione ed eleganza. Il logotipo della denominazione “Rolex” è composto da un carattere tipografico di matrice bodoniana che, allo stesso tempo, comunica classicità e forza. Insomma, un marchio semplice ed essenziale, ai limiti della normalità, tipico di un brand pioniere come Rolex.

Hans Wilsdorf

Hans Wilsdorf

Ritratto di Hans Wilsdorf. 
 

Hans Wilsdorf nacque a Kulmbach il 22 marzo 1881. Rimasto orfano in giovane età, lavorò a Chaux–de–Fonds in una fabbrica di orologi: probabilmente iniziò qui a sviluppare la sua passione. L’attività imprenditoriale cominciò nel 1905, con il trasferimento a Londra: fondò un’azienda con l’intento di creare orologi a un prezzo conveniente. Insieme al socio e cognato Alfred Davies creò la Wilsdorf & Davies, coinvolgendo Hermann Aegler un artigiano da cui importava orologi da polso. Il marchio Rolex comparve per la prima volta nel 1908.
A causa dell’aumento delle tariffe sulle importazioni di lusso applicato in Inghilterra durante la prima guerra mondiale, Wilsdorf si trasferì in Svizzera. Nel 1920 fondò a Bienne la Montres Rolex S.A.: il nome ”Rolex” venne scelto perché di facile pronuncia in diverse lingue. Wilsdorf creò anche la Tudor, filiale della Rolex, per poter commerciare orologi di alta qualità ma a prezzi inferiori. Nel 1944, dopo la morte della moglie, fondò la Hans Wilsdorf Foundation in cui riversò tutte le sue azioni della Rolex e assicurando che parte dei guadagni andasse in beneficenza. Wilsdorf morì il 6 luglio 1960 a Ginevra. La compagnia è rimasta una fondazione fino a oggi.