Gatorade


Alcune bibite con l'etichetta su cui è visibile l'attuale versione del logo. 
 

 

Estate 1965, Florida. L’allenatore dei Gators (letteralmente “gli alligatori”) – la squadra di football dell’Università – riscontra un brusco calo delle prestazioni dei suoi atleti durante le partite a causa dell’aumento delle temperature. Al fine di individuarne le ragioni scientifiche e i possibili rimedi, viene convocata un’equipe di medici.

Il team di dottori composto da Robert Cade, Dana Shires, Alejandro de Queseda e H. James Free comprese rapidamente che la sudorazione, accelerata dalle temperature elevate e dallo sforzo fisico, provoca nel corpo la perdita di sali minerali. Inoltre, il corpo brucia e consuma anche carboidrati, utilizzati come fonte di energia.

Dopo la fase iniziale delle partite, queste sostanze non venivano più reintegrate dagli atleti, provocando di conseguenza un calo delle prestazioni sul campo dei Gators.


Il Dott. Cade, venuto a mancare nel 2007, posa con alcune bottiglie della bibita da lui "inventata".

 

 

L’equipe di ricercatori studiò quindi la composizione di una bevanda in grado di restituire rapidamente all'organismo parte delle sostanze nutritive perse, battezzandola “Gatorade” in onore della squadra che commissionò la ricerca.

Da quando i Gators iniziarono a farne uso, la squadra collezionò moltissime vittorie, fino a conquistare per la prima volta l'ambito trofeo "Orange Bowl".

Sull’onda del successo dei Gators, anche le Università di Richmond e Miami vollero procurarsi la bibita “miracolosa”, che divenne presto molto celebre presso tutti gli atenei americani. Nel 1969, l'allenatore dei Gators, Ray Graves, propose anche alla squadra di NFL dei Kansas City Chiefs di provare il “Gatorade”. Quell'anno i Chiefs vinsero il loro primo (e per ora unico) Super Bowl contro i Minnesota Vikings.

L'ascesa della Gatorade proseguì fino a diventare nel 1983 la bibita ufficiale della National Football League.
Ancora oggi Gatorade conserva il titolo di bevanda ufficiale della NFL, oltre ad essere lo sport drink usato in tutti i college statunitensi; è inoltre presente in più di 70 campionati professionistici in tutto il mondo.

Il logo ha subito negli anni diversi interventi di restyling, fino ad un cambiamento radicale nel 2010, quando il logotipo "Gatorade" fu sostituito dalla sola lettera "G", trafitta dallo storico fulmine.

 

 

L'evoluzione del logo Gatorade fino ad oggi.

 

 

 

Inviateci qualunque notizia, curiosità, storia che riguardi "Brand Evolution" alla seguente mail: redazione@brand-identikit.it. I contributi più pertinenti e interessanti verranno pubblicati. Grazie!